#JESOLOPEOPLE: Roberto Gerotto, istruttore Nordic Walking

nordic walking jesolo

Jesolo è una città fatta di mare, design, eventi. E molto altro. Ma soprattutto, è fatta di persone. Per questo abbiamo deciso di dedicare sul nostro blog uno spazio che abbiamo chiamato #Jesolopeople, in cui raccontare le storie della “gente di Jesolo”. C’è chi è qui da sempre e chi è arrivato dopo. Non importa. Quelle che cerchiamo sono storie che valga la pena raccontare.

Data la presenza di numerosi percorsi ciclo-pedonali sul nostro territorio, dove scoprire moltissime bellezze naturali, abbiamo pensato di ascoltare il punto di vista di qualcuno che a piedi ha esplorato ogni angolo di Jesolo e dintorni. Si tratta di Roberto Gerotto, Istruttore di Nordic Walking.

Una passione da trasmettere

Istruttore, Presidente fino al 2020 dell’Associazione Nordic Walking Jesolo e membro della Scuola Italiana Nordic Walking, Roberto Gerotto ha abbracciato con entusiasmo questa disciplina. Pensare che non è stato nemmeno il primo della famiglia a praticarla.

Ho approcciato questo sport grazie a mia moglie, che diversi anni fa decise di iscriversi insieme a delle amiche ad un corso base per svolgere un’attività all’aria aperta. Terminato il corso iniziarono a camminare tutte le sere: io avevo da poco subito un’operazione e mi era stato consigliato di fare movimento, così io e altri mariti ci aggregammo. È da lì che è nato tutto”.

Un percorso che è continuato con la fondazione nel 2014 dell’Associazione Nordic Walking Jesolo, creata insieme ad una decina di persone e cresciuta di oltre 200 soci in un solo anno.

Per motivi personali Roberto ha dovuto abbandonarne la guida, ma continua a praticare la camminata nordica. E soprattutto a insegnarla.

Con la Scuola Italiana Nordic Walking ha infatti svolto il percorso per diventare Istruttore, una delle tre categorie di insegnanti presenti in questo sport. Abbiamo infatti scoperto che esistono anche i Master Trainer, con competenze di alto livello legate ad un percorso formativo universitario, e i Maestri, che preparano e certificano gli Istruttori, a loro volta responsabili dei corsi base.

Ma come è nato questo sport? E quali benefici comporta?

Uno sport completo

Il Nordic Walking nasce nei paesi scandinavi come attività sportiva svolta a secco durante l’estate dagli sciatori di fondo. Ma a renderla la disciplina che è oggi è stato Marko Kantaneva, che alla fine degli anni ’90 ha trattato l’argomento come tesi di laurea e ha definito i movimenti corretti da fare.

I cardini di questo sport si possono riassumere in tre parole: pendolo, rullata e bastoncini.

Chi cammina usa solo il 60% dei muscoli del corpo, mentre chi fa Nordic Walking ne usa il 90%, perché si attiva anche la parte superiore. Fondamentali nell’esercizio sono i bastoncini: dopo aver dato la spinta il braccio va indietro, la mano si apre e poi si recupera il bastoncino [che resta legato alla mano grazie ad un guantino], facendo un movimento a pendolo. In questo modo la circolazione del sangue è efficiente e non si rischia di sentire formicolii o appesantimento agli arti. Senza contare che la spinta permette di scaricare il peso, a vantaggio di schiena e articolazioni” ci spiega Roberto.

Si tratta quindi di uno sport ideale per chi sta molto seduto o chi vuole mantenere una corretta postura. E per farlo è di fondamentale importanza il tipo di camminata.

Nel Nordic quando cammini fai un passo che si chiama rullata: parti dal tacco, passi per la pianta e poi appoggi la punta, facendo un movimento dal basso verso l’alto. Il piede è una parte importantissima del nostro corpo, perché lì si trovano le terminazioni nervose che possono diffondere benessere a tutto il corpo”.

E Jesolo pare essere un luogo ideale per svolgere questo sport.

Jesolo, perfetta per l’outdoor

Dalla City Beach si diramano moltissimi percorsi per camminare o andare in bicicletta e scoprire le bellezze locali: palazzi di design, paesaggi di laguna e suggestivi sentieri in Pineta. “Ma il vero vantaggio di Jesolo – ci dice Roberto – è che si può camminare anche in spiaggia: il bagnasciuga è infatti il terreno ideale per il Nordic Walking”.

Non sorprende quindi scoprire che nel 2018 qui si sia tenuto l’11° International Nordic Walking Festival, una tre giorni dedicata alla camminata nordica cui hanno partecipato più di 1000 persone.

È stato il momento di massima soddisfazione per me e l’Associazione: sono arrivate persone da tutta Italia e alcuni anche dall’estero, sia istruttori che appassionati. A livello organizzativo è stato fatto un grande lavoro di squadra e abbiamo sentito l’entusiasmo di tutti i partecipanti! Anche per quanto riguarda i percorsi svolti: uno lungo la Laguna del Mort, poi verso Cavallino Treporti dove si trovano le batterie, e infine qui a Jesolo passando anche dalla spiaggia. Abbiamo dato una visione del nostro territorio a 360° e vissuto un’esperienza che va oltre lo sport”.

La camminata nordica è salutare, economica e adatta a tutte le età. Infatti Roberto conclude raccontandoci dei corsi tenuti con gli anziani, che “si appassionano più di tutti a questa attività. I bastoncini offrono un buon sostegno in camminata, e anche se il movimento non è perfetto le persone di età avanzata ne traggono comunque beneficio. Si tratta poi di uno sport aggregante, dato che favorisce l’interazione tra i partecipanti e molti creano legami che vanno oltre i corsi svolti”.

Per stare in forma, per fare amicizia o semplicemente per godersi i paesaggi jesolani, il Nordic Walking è insomma uno sport da scoprire e praticare!